I baci sono come i sogni, appartengono più all’anima che al corpo

Il mio sentiero da fiaba
3 giugno 2018
Ognuno di noi intende l’amore a modo suo
20 giugno 2018

Ti senti toccare una spalla mentre cammini da solo nel pomeriggio più pensieroso della tua vita, uno di quelli nei quali la tua mente é come un palloncino rosso che vola in cielo dopo essere stato prigioniero per qualche ora di un assordante Luna Park.
Ritorni da un lungo viaggio e stai per ripartire.
E’ un viale molto affollato, cammini come un automa, guardi i tuoi piedi, passo dopo passo cerchi di centrare gli spazi dentro le piastrelle, smetti quel gioco solo quando ti senti osservato da qualcuno. La terribile solitudine nella moltitudine. Il tuo stato stato d’animo cambia ogni secondo, per questo non vorresti proprio incontrare nessuno.
Sono io, sono stato a mangiare da solo in un ristorantino e per non sentirmi troppo abbandonato dal mondo, ho rubato gli sguardi innamorati del tavolo di fronte al mio, dove c’era una ragazza carina che con gli occhi sussurrava tutte le più dolci parole al suo ragazzo. Quando le donne ti guardano così, ti senti l’uomo più forte del mondo.
Le donne,  sono difficili da capire, ma sono bellissime.
Ma questa, ormai da anni, non é più la mia città, e poi ormai ho capito che nella vita non incontri mai chi vorresti incontrare, ma solo rompiballe che ti domandano come stai, come va, e via dicendo.
Qualcuno mi ha toccato la spalla, mi giro e vedo subito un bel sorriso con quelle deliziose fossette che mi ricordano tanto Laura, una bella ragazza che ogni volta che incontro negli anni mi bacia come se io e lei fossimo per sempre intrappolati dentro ad un film.
Sono trascorsi trent’anni, Laura é sempre la stessa, bella con gli occhi azzurri che puntano immobili la mia bocca ed il viso incantato che racconta la nostra favola. Laura mi bacia e mi abbraccia forte. Laura é un fenomeno di femminilità, forza e tenacia, é la donna che anche se tutto la spinge a rinunciare non molla mai, non si arrende mai. Eravamo ragazzini, siamo stati insieme tre anni ed io per lei sono ancora il suo ragazzo e ad essere sincero anche per me é più o meno la stessa cosa. L’avventura del bacio improvviso mi imbarazza un po’, mi fa sentire un timido ragazzino, mi ricollega ad un bel periodo del mio passato, mi fa riconoscere subito il sapore di lei.
I baci sono come i sogni, appartengono più all’anima che al corpo.
Alcuni legami sono misteriosi perché superano la realtà, il tempo, il luogo e tutte le nostre consuetudini.
Laura mi accompagna all’Aeroporto, chiudo gli occhi e mi sento come un palloncino rosso che vola in cielo , legato per sempre ad un filo lunghissimo che é tenuto saldo tra le sue mani.