Ma non tutti riescono ad amare….

Zannetti cs 2019
Il disastro, la tragedia di un delusione d’amore non ammortizzabile
20 Febbraio 2019
Zannetti Carlo Trento 2019
Lettera di una donna molto amata.
10 Marzo 2019
Zannetti Carlo Berlino

Credo sia proprio vero. Molte cose ci sfuggono, la nostra mente è come bloccata. Tutto ciò che è materia è realtà. Ma è proprio così?

Il movimento Punk con la sua storia così complessa ci regalò, tramite il gruppo italiano dei C C C P, una frase simpatica, ma allo stesso tempo un po’ cattiva:  “Produci, consuma, crepa”. Era una frase che criticava il meccanismo di vita nel quale ci siamo andati a ficcare. Il consumismo, ciò che ci riporta alla materia, alla realtà, o se interpretato in modo diverso, quello che ci distrae da un’altra realtà. Ci sono sempre due modi diversi di vedere le cose anche quelle più strane come per esempio l’amore. Una delle poche follie che possiamo accettare; per alcuni, solo una questione di ormoni, per altri un’inspiegabile magia. Per conto mio, l’unica strada che ci può accompagnare in una dimensione diversa, forse quella più vicina ad una soprannaturalità, quella che di sicuro corre parallela alla nostra vita quotidiana.

Un altro mistero è la musica, così stupefacente o il gioco degli scacchi con le infinite mosse. E ancora i colori della natura, che anche oggi, tra un palazzo e l’altro spuntano timidi, intensi e ci stupiscono. Il tramonto, le luci dell’alba, la luna sono cose  invariate nel tempo.

La stessa luna che quardava Mozart, la stessa luna che guardava John Lennon, la stessa luna che guardi tu dall’altra parte del mondo. 
Quante volte due innamorati si sono accorti di pensare alle stesse cose in un medesimo istante. Anche quella è una questione di ormoni? Non credo….

La cosa più bella del mondo è ciò che riesce ad emozionarti fino alle lacrime. Lo sguardo di una donna innamorata, la naturalezza di un bambino, il pensiero del più bel momento della tua vita, il non vedere l’ora di incrociare una persona, un abbraccio forte, il Requiem di Mozart.

E così tra infiniti dubbi, volge alla fine anche questa giornata piena di strani indizi che mi portano a pensare come sempre all’amore. Il motore del mondo, come alcuni dicono. Il motore dell’animo come penso io. Amore, passione, emozioni, il soprannaturale che vince su tutto ciò che è materia.

Se qualcuno mi chiedesse: “Vorresti ancora la donna che hai amato e che hai perduto, oppure un Ferrari rossa?” , risponderei senza esitare : “La donna che ho amato!”

Il sapere amare è quello che serve per comprendere tutto quello che va oltre la materia, tutto quello che corre verso l’infinito.

Ma non tutti riescono ad amare….